Leggi, pensaci, commenta se ti va.Iscriviti al feed RSS

Facebook vuole che tu conosca nuovi amici, Instagram ti aiuterà a trovarli

Domenica Techrunch ha rivelato una nuova feature di Facebook, ancora in fase di test, ma raggiungibile via App mobile (Menu > Apps > Find Friends > Other tools > Find Friends nearby) e via browser digitando http://fb.com/ffn.
Oggi una portavoce di Facebook si è premurata di smentire che fosse effettivamente una nuova funzionalità in fase di lancio, limitandosi a dire:

“È stato soltanto un test dei nostri ingegneri, e non tutti i test si tramutano poi in una nuova feature. Niente da aggiungere.”

Find Friend Nearby - Facebook
Ci credete? Pensate veramente che Friendshake (questo il nome del progetto da cui deriva) sia solo un esercizio di stile del dev team di Palo Alto? A sentire le parole di chi l’ha sviluppata non si direbbe, e pare anche strano che l’acquisizione di Glancee sia soltanto un caso. Ma cos’è Find Friends Nearby?

È Ryan Patterson stesso a spiegarlo (lo sviluppatore che l’ha progettata durante un hackaton):

L’utilizzo ideale è quello in cui una volta in giro con un gruppo di persone, si desideri rimanere in contatto con loro. La ricerca di Facebook lo consentirebbe ugualmente, così come lo scambio della propria vantiy url o i più tradizionali biglietti da visita, ma questo strumento consente di scambiarsi le informazioni senza bisogno di alcuna ulteriore azione (il termine usato da Patterson è “friction“, che rende perfettamente l’idea).

Highlight e Glancee

Insomma, da una parte simile a Highlight o Glancee, dall’altra una sorta di evoluzione di Bump.

Ammesso che fosse soltanto un test e che questa funzionalità non venga mai rilasciata così come l’abbiamo vista per poche ore (accedendo adesso si visualizza una pagina di errore, e l’ultima parte dell’URL cambia da FFN a friendshake automaticamente) è francamente poco credibile che qualcosa di simile non venga integrato a breve in Facebook.

O magari in Instagram.

Già, perché l’update di Instagram a 2.5.0 ha visto scomparire la tab Popular, per lasciare spazio alla tab Explore (che fantasia eh?), che lascia ben poco spazio all’immaginazione di quelle che potranno essere le sue prossime tappe: ad oggi consente soltanto di eseguire ricerche per hashtag o utenti (rendendo comunque la ricerca meno macchinosa rispetto a prima, quando richiedeva un tap aggiuntivo), ma è piuttosto scontato che l’integrazione con Facebook permetterà a breve di eseguire ricerche mirate per luogo, data (e magari orario), ma anche per tipologia di filtro applicato o tag delle persone (se mai verrà inserita anche questa feature, mutuandola da Facebook Camera).

Instagram Esplora

Immaginate di voler vedere tutte le foto scattate durante un concerto a cui siete stati qualche settimana fa: tutte le persone avranno inserito un hashtag? Tutti quelli che l’hanno inserito, hanno usato lo stesso? No, è ovvio.

Oltre a vedere immagini di quello che ci interessa, da altri punti di vista, sarà possibile trovare nuovi contatti, sulla base di interessi simili, o scoprire luoghi vicini che non conoscevamo: Facebook sembra quindi ampliare il suo “raggio d’azione”, passando da “resta in contatto con le persone che ami” a “esplora ed incontra nuove persone”, sulla scia di quello che da diversi mesi è il cammino intrapreso da Foursquare.

Search

Dire che Instagram sarà il motore di ricerca di Facebook è ovviamente una provocazione, ma pensare ad una social search diversa da quella a cui siamo abituati, sempre più basata su contenuti visuali e relazioni tra le persone, non è fantascienza, o almeno non lo è nell’ottica di considerarla componente di un progetto più ampio.

Ovviamente tutto questo non è stato pensato perché Zuckerberg soddisfi il suo irrefrenabile bisogno di sapere che milioni di nuove persone si stanno connettendo tra loro (o almeno, non solo per questo…) ma perché offre ai brand la possibilità di sapere esattamente dove e quando si verificano determinate occasioni di contatto tra gli utenti, permettendo così comunicazioni mirate non soltanto a singole persone in base alle loro connessioni virtuali, ma agendo sulla sfera “fisica” dei rapporti personali.

Sono dell’idea che Find Friend Nearby, Friendshake o come diavolo lo chiameranno, ci farà visita nuovamente, e senza neppure farci aspettare troppo, magari integrato nell’Explore di Instagram o in Facebook Camera. Quello su cui sarà importante che Zuckerberg si muova attentamente è – come al solito – tutto ciò che riguarda la privacy: dando per scontato che la feature sia opt-in (con consenso esplicito dell’utente) e che entrambi gli utenti coinvolti nell’azione l’abbiano attivata, sarà fondamentale che offra un controllo semplice e immediato per gli utenti, pena la solita gogna mediatica.
Facebook Ecosystem

Secondo voi alla fine rimarrà un test fine a sé stesso o la vedremo, magari sotto altre vesti, a breve? Io resto convinto che l’acquisizione di Instagram, Glancee e questo test (che secondo me è “scappato di mano” allo stesso modo in cui l’iPhone4 è stato lasciato “casualmente” in un bar”) non possa che andare in questa direzione, anche per la necessità per Facebook di offrire qualcosa di nuovo ai 500 milioni di utenti mobile e di monetizzare laddove le sponsored stories via mobile sembrano non bastare.

E poi, se il SoLoMo (Social+Local+Mobile) è unanimemente considerato il trend più caldo del 2012, vorrete mica che Facebook aspetti il 2013 per prenderne parte?

More in Blog, Facebook, Mobile, Social Media (13 of 106 articles)
Schermata 06-2456100 alle 12.34.24


Sparare sentenze, si sa, è uno sport molto praticato. In Italia poi è disciplina nazionale: siamo bravissimi a stabilire quando ...