Leggi, pensaci, commenta se ti va.Iscriviti al feed RSS

Foursquare, e una nicchia da 10 milioni di utenti

Era Novembre 2010 quando Pew Research pubblicava uno studio secondo il quale soltanto il 4% degli adulti – americani – che si connetteva con il proprio smartphone per navigare utilizzava servizi di geolocalizzazione come Foursquare, Gowalla o Facebook Places: ad appena 6 mesi di distanza ComScore ha pubblicato una ricerca che testimonia che sono ora quasi 1 su 5 a farlo (con una punta del 32.5% nella fascia 25-34).

Foursquare Growth

È ormai innegabile che, nonostante la relativa giovinezza dei LBS, la diffusione sia davvero massiccia tra i possessori di smartphone, e – considerando le proiezioni che indicano il 2013 come anno del sorpasso di connessioni via smartphone su quelle via desktop – si capisce come il fenomeno sia ora nella sua fase di maggior interesse – tanto per gli utenti quanto per gli investitori.

Basta osservare i dati di crescita di Foursquare: ogni volta che viene superata una barriera, in molti pensano che la massa critica sia raggiunta e che la logica conseguenza sia un brusco rallentamento nella crescita della base di utenti. E puntualmente vengono smentiti: è successo dopo l’SXSW dell’anno scorso, dopo quello di quest’anno e dopo il 4sqday, eppure basta un’occhiata a questi dati per cambiare idea.

Ci sono voluti 39 giorni per passare da 8 a 9 milioni di utenti (oggi sono circa 9.5), contro i 32 per il traguardo degli 8 partendo da 7: è vero, sono sette giorni in più, ma non si tratta di un rallentamento drammatico, è anzi fisiologico. Stessa cosa per quanto riguarda il numero di nuovi utenti al giorno: oggi circa 25.000, a Marzo 31.000 – ma con l’SXSW in pieno svolgimento.

Insomma a meno di imprevisti, Giugno dovrebbe veder avverata la previsione di Crowley del superamento dei 10 milioni di utenti registrati. Ma che impatto hanno questi numeri agli occhi degli investitori? A quanto riporta Second Market, un impatto enorme, visto che Foursquare va a posizionarsi al primo posto – e con enorme distacco – tra le aziende “Rising Stars (quelle che hanno avuto la maggior crescita da Q4 2010 a Q1 2011 nella watchlist di Second Market) segnando un +2950% in termini di interesse, contro – ad esempio – un 1193% di un colosso come Skype – appena acquisito da Microsoft per $8.5mln.

Quello che emerge da tutti questi numeri è che il valore dell’interazione con i consumatori è ormai percepito dai brand, grazie alla possibilità di offrire specials, offerte dedicate e altri vantaggi ai propri clienti, potendone monitorare le abitudini e i comportamenti, ma soprattutto portando offline ciò che solitamente avviene sul web: insomma, la conversazione non si limita più ad un contatto one-shot, ma segue le persone fin dentro al punto vendita – in alcuni casi guidandolo all’interno.

Secondo voi la crescita in questi termini è veramente destinata a durare o siamo vicini ad un punto di stallo, magari a favore di servizi con caratteristiche comuni, ma strategie completamente e approcci diversi (come Groupon)? Io rimango dell’idea - come scritto qualche mese fa – che Facebook abbia paradossalmente (ma neanche troppo) trainato la crescita di Foursquare, avvicinando quasi 600 milioni di persone ad un concetto fino a qualche mese fa legato più a pochi “smanettoni” che ad un pubblico eterogeneo, non pensate?

  • http://twitter.com/stevoltan Stefano Voltan

    Spotify al terzo posto. Fuck yeah!

  • http://twitter.com/stevoltan Stefano Voltan

    Spotify al terzo posto. Fuck yeah!

  • http://twitter.com/GuglieCornelli Guglielmo Cornelli

     Ottimo articolo Luca: non sono un veggente, ma sottoscrivo in pieno le tue considerazioni finali! Imo non può che crescere esponenzialmente, anche se molto dipenderà dalle aziende che dovranno cogliere l’occasione. C’é ancora mooolta strada da fare, in questo, ed é la cosa + incoraggiante! :)

  • http://twitter.com/GuglieCornelli Guglielmo Cornelli

     Ottimo articolo Luca: non sono un veggente, ma sottoscrivo in pieno le tue considerazioni finali! Imo non può che crescere esponenzialmente, anche se molto dipenderà dalle aziende che dovranno cogliere l’occasione. C’é ancora mooolta strada da fare, in questo, ed é la cosa + incoraggiante! :)

More in Blog, Foursquare (50 of 105 articles)
Foursquare dogs


Ci sono ormai un sacco di case history interessanti su come i brand stiano utilizzando la geolocalizzazione come strumento per ...